sabato 15 settembre 2007

Un dialogo politico per l'Italia?? No, grazie...


Oggi la politica oltre ad essere impegnata sullo scandalo Mastella e i problemi della riforma sul lavoro, punta il suo sguardo sulla possibilità remota di un dialogo e confronto serio che porti ad una serie di riforme, tra le quali la più importante quella elettorale, anche perchè non si sa se questo Governo durerà ancora molto...

Ma come al solito quando si parla di dialogo e confronto si alzano i paraocchi e le barriere ideologiche, quindi tutto si arena nel "linguaggio politichese", discorsi inutili e ben coloriti che i nostri politici sanno sfornare con grande capacità logorroica e dovuto senso di responsabilità d'appartenenza partitica.
Mi chiedo, ma quanto potrà essere utile e profittoso essere un politico e un rappresentante istituzionale???
Non si può andare avanti così in Italia, ma sembra che ce ne siamo accorti tutti tranne i nostri rappresentanti, o forse purtroppo lo sanno anche loro ma non gli "conviene" cambiare le carte in tavola.
Non è questione di essere di Destra, Centro o Sinistra, qui è in "ballo" il nostro sistema democratico e la politica parla, parla e non decide !!!
Dal "Corriere della Sera" e "Il Giornale" riporto qui di seguito alcune dichiarazioni che "promettono bene" per il futuro dell'Italia...

Prodi e Berlusconi: A Silvio Berlusconi, che dopo le vicende Rai ha chiuso al dialogo con la maggioranza su riforme e legge elettorale, Romano Prodi risponde con un secco: «Faccia quel che vuole».

Veltroni e Fini:Il sindaco di Roma, d'accordo con il leader di An sulla necessità di rendere la nostra «una democrazia che decide», chiede «la disponibilità della Casa delle libertà a convergere e arricchire il pacchetto di riforme che è in commissione Affari costituzionali, per consentire al Paese di fare un passo in avanti verso una democrazia che decide». Ma Fini risponde polemico ricordando che molte di quelle riforme erano contenute nelle proposte della Cdl bocciate dal referendum: «Non era meglio modificare quelle parti che non andavano bene anziché buttare tutto? - chiede al suo interlocutore - La verità è che non volevate che il centrodestra si intestasse il merito di fare le riforme». «Non stare con la testa rivolta indietro - è l'invocazione del sindaco di Roma - sei disposto o no a discuterne?». «Per me prima se ne va questo Governo e meglio è - ribatte il leader di An -. Ed è meglio anche per te».

Gasparri: Netta anche la chiusura di An, che prepara la manifestazione del 13 ottobre. «Dialogare con il governo - dice Maurizio Gasparri - su riforme o legge elettorale è impossibile dopo le prevaricazioni ai danni dell’opposizione.

Tajani:
«Non si può dialogare con un governo che non decide e pensa solo ad occupare tutti gli spazi».

Rotondi:
E per il segretario della Dc per le autonomie Gianfranco Rotondi «non ci sono le condizioni per riforme condivise, quindi per nessuna riforma».

Cesa, Bossi e Maroni: da Lega e Udc arrivano inviti a riaprire il confronto, per bocca di Umberto Bossi e Lorenzo Cesa. D’accordo con il Senatùr, il capogruppo del Carroccio Roberto Maroni dice che, però, su legge elettorale e federalismo fiscale il governo «fa un passo avanti e due indietro». E a complicare le cose c’è la vicenda Rai «sulla quale l’esecutivo ha messo completamente le mani», che ha sospeso il dialogo. Ma Maroni annuncia che nei prossimi giorni si riunirà la Cdl: «Decideremo insieme se andare avanti o fermarci».

Letta Enrico:
l’unica riforma elettorale possibile è «l’importazione del sistema di tipo tedesco». Il candidato leader del Pd ha firmato il referendum per «abbattere l’attuale legge elettorale, la peggiore che ci sia, che si basa su un sistema di cooptazione, il sistema delle liste bloccate che purtroppo abbiamo importato anche nelle primarie del Pd». Per Letta è «un pessimo modo di far partecipare le persone».

Auguri Italia!!!

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Questa sera ti aggiungo ai link
http://liberaliperisraele.ilcannocchiale.it/

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Come sempre si comportanto come tanti bambini piccoli salvo poi crescere alla svelta quando si tratta di salvaguardare i loro interessi personali...

Romina ha detto...

OFF-TOPIC: ho letto la tua proposta di link reciproco sul mio blog intersezioni.awardspace.com.
Va bene ti aggiungo ai miei link. Ciao.

Antonio Candeliere ha detto...

Accetto volentieri lo scambio di links.

Luca ha detto...

Ciao, i miei complimenti per il tuo blog, molto molto interessante. Commento ricevuto, sei stato prontamente linkato sul mio blog. Nel caso volessi linkarmi la cosa, ovviamente, mi farebbe un gran piacere oltre ad onorarmi. Ciao, verrò spesso sul tuo spazio! Luca

Anonimo ha detto...

fatto

liberali

yokai ha detto...

ti ho ricambiato!

Anonimo ha detto...

imparato molto

Anonimo ha detto...

molto intiresno, grazie