sabato 6 ottobre 2007

La marcia politica di Montezemolo...

Credo che il nostro Presidente di Confindustria Montezemolo oramai sia sempre più un uomo della politica.
Con messaggi costanti interviene nelle discussioni politiche e suscita in molti questi interrogativi:
- scenderà veramente in politica??
- a quando la sua candidatura??
- sarà lui il prossimo leader del centro-destra italiano??

Sicuramente avrebbe le capacità umane e professionali per guidare l'Italia, ma siamo sicuri che Berlusconi lasci il posto di comando??

Nell'attesa riporto qui il suo intervento all'assemblea dei giovani industriali preso dal "Corriere della Sera":

-Occorre restituire qualcosa a chi paga le tasse, come i lavoratori dipendenti che hanno la trattenuta direttamente alla fonte». Lo ha detto il presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo, a margine del convegno annuale dei Giovani di Confindustria, parlando della pressione fiscale. «E’ arrivato il momento di ridare qualcosa indietro a chi le tasse le paga per davvero. Chi evade è come uno che ruba, e l’evasione e il lavoro nero sono la peggiore offesa a chi le tasse le paga regolarmente. Tra coloro che le pagano ci sono gli operai delle fabbriche e gli impiegati che hanno la trattenuta in busta paga».

E’ necessario per Montezemolo, tagliare la spesa improduttiva e investire di più. «In questo Paese - spiega - si pagano troppe tasse, perchè le pagano troppo pochi, e chi le paga le paga anche per quelli che evadono. Soprattutto, si vuole sapere dove vanno a finire le tasse degli italiani. Sicurezza, infrastrutture, servizi, è là che dovrebbero andare. E ci dovrebbero essere meno spese. Bisogna avere il coraggio di tagliare le spese improduttive, nelle quali vanno a finire le tasse. Più investimenti e quindi meno tasse».

Luca Cordero di Montezemolo, davanti alla platea dei giovani industriali riuniti a Capri critica chi invoca le elezioni subito e insiste sulla necessità di modificare la legge elettorale: «Pensare di andare a elezioni con questa legge è offesa a cittadini italiani perchè non li mette in condizione di scegliere». «Lo Stato», sottolinea il presidente di Confindustria, è «una macchina troppo pesante, troppo costosa, con troppi veti, troppi localismi, non è all’altezza della competizione mondiale, perciò puoi avere il migliore pilota, le migliori intenzioni ma non ce la fai. Perciò - avverte - attenzione ai facili entusiasmi, a dire andiamo a votare domani, abbiamo bisogno prima di una legge elettorale che metta in condizione il paese di essere governato. Andiamo a fare una legge che risponda a tre requisiti fondamentali: metta il cittadino in condizione di portare in Parlamento chi vuole, chi merita, chi viene scelto, crei governabilità, elimini i troppi veti e i piccoli partiti».

6 commenti:

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Sugli industriali che scendono "in campo" e che lo fanno "per noi" ho sempre molte riserve.

PS: Francesco,mi raccomando mandami presto la mail con la tua riflessione sulla Birmania; mancate in pochissimi e ho la speranza di poter pubblicare il post unitario entro domani :-)))

Daniele

gianluca ha detto...

ciao, vorrei fare uno scambio link:

http://gianluca-revolution.blogspot.com

complimenti per il blog

Maurizio Bolognetti ha detto...

Segnalo

www.paxmastelliana.ilcannocchiale.it

Anonimo ha detto...

Hai scritto: "Sicuramente avrebbe le capacità umane e professionali per guidare l'Italia".

Non credi sia una cazzata grande quanto il mondo?

E sì che gli abominevoli risultati delle sue "capacità umane e professionali" ce le abbiamo tutti sotto gli occhi!

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Off Topic: Oggi alle tre avrai il post e alle 18 vorrei postare simultaneamente.

Ciao
Daniele

Luca ha detto...

Ciao "Polis" ti leggo sempre con piacere. Montezemolo in politica? Non lo so. Certo è che Berlusconi prima di mollare la barca dovrà avere qualcosa di grosso in cambio. Non lo so, Montezemolo al vertice non ce lo vedo. Poi ci sarebbe il non proprio piccolo problema di Fini ed eventualmente Casini. Hanno passato 10 anni all'ombra di Sua Emittenza ed ora si defilerebbero in un secondo a favore di Luca Cordero? Non credo. Speriamo solo che qualsiasi cosa dovesse venire, sia di buono per questo paese. Ciao, ancora complimenti